Visita le grotte marine del Gargano

 

Lungo la splendida costa che si estende dalla Baia di Mattinata fino a Vieste è possibile ammirare diverse bellezze naturali: piccole e deliziose spiaggette, insenature seminascoste dalle candide pareti rocciose e pini profumatissimi che si specchiano nell’azzurro mare. Tuttavia lo spettacolo più suggestivo è offerto dalle numerose e singolari grotte marine che punteggiano questo meraviglioso litorale.

Costeggiando la zona tra Mattinatella e Vieste s’incontra, per prima, la caratteristica Grotta dei Colombi, una grotta a forma triangolare, così chiamata per la presenza di migliaia di colombi che nidificano al suo interno. Proseguendo si può ammirare la Grotta Rossa o Grotta dell’Occhio Magico, il cui ingresso apparentemente stretto e breve si dilata d’improvviso su di una piccola spiaggia. All’interno una pozza d’acqua limpidissima, illuminata attraverso una fessura nella roccia , emana riflessi di un azzurro smeraldo.

Oltre la Grotta dell’Arco Maggiore e la Grotta delle Due Finestre, così denominate per la loro peculiare forma, più seducente si presenta la Grotta del Serpente, il cui nome si deve alla figura di un rettile modellata nella roccia dal lento e secolare lavorio di madre natura.

Poco più avanti, ai piedi del Monte Barone, si scorge una delle più suggestive e incantevoli grotte: la Grotta Campana. Dall’ingresso buio, largo circa 5 metri, inoltrandosi al suo interno si scopre un’incantevole campana rupestre alta quasi 60 metri, con una circonferenza di 250 metri circa, le cui pareti, rivestire di massi di pietra calcarea con strati di silice e muffe vellutate, circondano un’amena spiaggia circolare, illuminata dalle acque cristalline. Lo spettacolo che offre questa grotta alle prime luci del mattino è di incomparabile bellezza.

L’ultima importante grotta che s’incontra lungo la costa è Grotta Smeraldo o Grotta dei Pipistrelli.